C'era bisogno di un altro sito sui telefilm?
Esistono diversi siti dedicati al mondo dei telefilm ma praticamente tutti presentano una prerogativa: in essi si parla quasi esclusivamente dei serial più recenti e popolari. Telefilmania.it nasce per colmare questa lacuna essendo in particolar modo dedicato ai telefilm più datati o di nicchia. Non che non si possa parlare di Lost o del Dr.House ma il sito si pone come principale scopo la raccolta e lo scambio di informazioni su serie "cult" come Chips e Supercar, serie scomparse come Baretta o Lou Grant e serie "minori" (non per qualità) quali Squadra Emergenza o Alla corte di Alice.
L'uomo da Sei Milioni di Dollari

La fantascienza, si sa, ha un grosso limite peculiare: quello di essere inevitabilmente legata al periodo storico in cui viene prodotta. Tale limite risulta ancora più evidente quando la componente fantascientifica si basi sulla tecnologia: ciò che appare infatti come sorprendentemente futuribile in un determinato momento diviene irrimediabilmente obsoleto e semplicistico solo dieci o venti anni dopo.
La riflessione si adatta senz'altro al telefilm "L'uomo da sei milioni di dollari" del 1973 in cui un astronauta statunitense ridotto in fin di vita in seguito ad un pauroso incidente viene salvato grazie al ricorso alla "bionica" che prevede la sostituzione di organi unmani con altri artificiali. Non è tanto l'impianto di organi artificiali ad esser divenuto obsoleto, quanto la natura stessa degli organi che nella serie vengono applicati al Colonnello Steve Austin. Si tratta infatti di veri e propri arti robotici, con tanto di ingranaggi, stantuffi e cuscinetti, ricoperti da ciò che sembra uno strato di adipe ed epidermide umani. Dovendo affrontare lo stesso tema al giorno d'oggi verrebbe certamente ipotizzata la costruzione artificiale di tessuti biologici che ricreino lo stesso tipo di meccanica funzionale di un vero arto umano, magari attraverso la nanotecnologia (come effettivamente avvenuto nel remake del telefilm "cugino", "La Donna Bionica").

SCHEDA
Titolo: L'uomo da Sei Milioni di Dollari
Titolo originale: The Six Million Dollar Man
Genere: Azione - Fantascienza
Anno: 1974-1978
Stagioni: 5
Ideatore: Martin Caidin
Produttori: Harve Bennett
Musiche: Oliver Nelson
Ma si era negli anni settanta, e l'immaginario popolare era assuefatto ad una idea di tecnologia futuribile fatta di acciaio e transistor che sarebbe sopravvissuta fino ai primi Terminator. Dopo gli anni '50 e '60, in cui a farla da padrona nella fantascienza erano i robot dall'aspetto inequivocabile, per quanto di forma vagamente umanoide, negli anni '70 ed '80 prendeva piede la figura del "cyborg", specie di robot più evoluta il cui aspetto esterno simulava ingegnosamente le fattezze umane, che avrebbe popolato tonnellate di romanzi e fumetti del periodo.
Con "L'uomo da sei milioni di dollari" viene applicata una variazione sul tema, immaginando di utilizzare arti cibernetici (appunto "da cyborg") su un essere umano vivente: non più il robot che "mima" la vita umana senza poterne condividere la scintilla vitale (ma superandola in forza ed abilità), bensì un uomo, con tutto il suo patrimonio emozionale, che "ruba" la forza e l'abilità al robot.

E così, il Colonnello della Areounautica Militare Steve Austin, eroe nazionale ed astronauta affermato, si vede segretamente impiantati due arti inferiori, un arto superiore ed un occhio "bionici". Il risultato è un uomo che può correre come un automobile, saltare molto più di un canguro, e piegare una sbarra di ferro con una sola mano (perchè l'altra è normale... anche se non è dato sapere su cosa faccia leva il braccio bionico dal momento che è attaccato ad una spalla umana...). Insomma, fantascienza e bionica a parte, il tema di fondo è sempre lo stesso di ogni serial d'azione che si rispetti: un eroe dalle capacità straordinarie.
Nei panni del protagonista troviamo un aitante Lee Majors, già famoso per aver interpretato Heath Barkley nel serial "La Grande Vallata" con Barbara Stanwyck e Linda Evans, e che proprio in quegli anni diveniva l'invidiato consorte della biondissima Farrah Fawcett (che sarebbe poi divenuta uno degli "Angeli di Charlie"). Majors, ora più maturo rispetto all'esordio western, risulta perfetto per il ruolo del coraggioso Colonnello Austin, elegante nei modi e leale nella condotta, oltre che (e non poteva essere altrimenti) autentico patriota. Il plot della serie infatti prevede che Steve venga chiamato a "mettere a frutto" l'investimento che il governo americano ha fatto su di lui (i famosi 6 milioni di dollari del titolo, che oggi fanno un pò sorridere, dal momento che ci si acquista a malapena un loft a New York), trasformandosi in un agente operativo adatto ad operare in condizioni particolari, grazie alle sue abilità.

Il referente governativo del colonnello è Oscar Goldman (Richard Anderson) del O.S.I ("Office of Scientific Intelligence" o, in altri casi, "Office of Scientific Investigation") che provvederà a fornire sempre nuovi casi al protagonista. Essendo in piena guerra fredda, gli avversari che Steve si troverà ad affrontare, saranno spesso delle spie del "blocco sovietico", ma non mancheranno nemmeno cyborg "cattivi", macchine distruttrici ed esseri più o meno straordinari. Gli episodi sono quasi sempre autoconclusivi e non si fa ricorso a sottotrame che si dipanino lungo le varie stagioni, almeno non nel modo massiccio cui ci stanno abituando i serial americani più recenti.
Altro personaggio principale è il dottor Rudy Wells, ovvero il luminare di bionica che ha effettuato il delicato intervento che ha salvato la vita a Steve rendendolo "speciale". Nel suo ruolo, c'è l'attore Martin E. Brooks (successivamente anche in "Dallas" e "Hunter").
Tra i comprimari occasionali della serie troviamo anche l'affascinate Jaime Sommers (Lindsay Wagner), che diverrà protagonista del noto spin-off "La Donna Bionica", e il Maggiore Kelly Wood, interpretato dalla moglie di Lee Majors, Farrah Fawcett.

Marchio di fabbrica indimenticabile de "L'uomo da sei milioni di dollari", rimane la "moviola" con cui vengono mostrate le azioni più concitate dell'eroe bionico, insieme con i curiosi effetti sonori utilizzati per rendere palese allo spettatore che il protagonista stesse utilizzando le sue capacità cibernetiche.
La saga prende il via nel 1973 con una serie di 3 film tv, mentre la serie vera e propria consta in tutto di 5 stagioni, prodotte tra il 1974 ed il 1978, per un totale di 98 episodi. Come già accennato, nel 1976 le viene affiancata una serie spin-off dal titolo "La Donna Bionica", con protagonista la tennista professionista Jaime Sommers (legata sentimentalmente al colonnello Austin), interpretata da Lindsay Wagner, che durerà tre stagioni tra il '76 ed il '78, per un totale di 57 episodi.
La saga della "coppia bionica" si è conclusa in tre film tv che hanno visto la luce rispettivamente nel 1987, nel 1989 e nel 1994.

Paolo Tortora
© telefilmania.it



PERSONAGGI E INTERPRETI

Colonnello Steve Austin: Lee Majors
Oscar Goldman: Richard Anderson
Dott. Rudy Wells: Martin E. Brooks (Alan Oppenheimer nei primi episodi)
Jaime Sommers: Lindsay Wagner
Maggiore Kelly Wood: Farrah Fawcett
Frank: Quinn K. Redeker
Helen Elgin: Martha Scott
Jim Elgin: Ford Rainey
Dott. Charles Leith: Jack Colvin
Bigfoot: André the Giant
Harry Green: Dick Van Patten
Peggy Callahan: Jennifer Darling
Ambasciatore Mahmoud: Than Wyenn
Dott. Chester Dolenz: Henry Jones
Apploy: Severn Darden
Shalon: Stefanie Powers
Faler: Charles Cyphers
Capitano Voda: Bruce Glover



ELENCO EPISODI

clicca qui per l'elenco completo



DVD

La Universal Pictures ha pubblicato i DVD Video delle prime tre stagione in italiano. Fare clic sulle immagini per vedere i prodotti.

Stagione 1 Stagione 2 Stagione 3


SIGLA





LINKS

Pagina su IMDB: http://www.imdb.com/title/tt0071054/

Sito non ufficiale di Lee Majors: http://www.leemajors.us/
Fansite inglese di Lee Majors: http://www.leemajors.co.uk/
Sito ufficiale di Lindsay Wagner: http://www.lindsaywagner.com/



IMMAGINI
(cliccare sull'immagine per vederla ingrandita)





WALLPAPERS
(cliccare sull'immagine per vedere il wallpaper e salvarlo)





Tutti i testi sono proprietà di telefilmania.it © - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione del titolare
I nomi di serie, personaggi, emittenti etc. appartengono ai rispettivi proprietari
Molte immagini sono state liberamente prelevate da internet: se qualcuno ne possedesse i diritti può richiederne la rimozione
Cookie policy