C'era bisogno di un altro sito sui telefilm?
Esistono diversi siti dedicati al mondo dei telefilm ma praticamente tutti presentano una prerogativa: in essi si parla quasi esclusivamente dei serial più recenti e popolari. Telefilmania.it nasce per colmare questa lacuna essendo in particolar modo dedicato ai telefilm più datati o di nicchia. Non che non si possa parlare di Lost o del Dr.House ma il sito si pone come principale scopo la raccolta e lo scambio di informazioni su serie "cult" come Chips e Supercar, serie scomparse come Baretta o Lou Grant e serie "minori" (non per qualità) quali Squadra Emergenza o Alla corte di Alice.
Casa Keaton

"Casa Keaton" (in originale "Family Ties") è stata la sitcom che ha portato alla ribalta l'attore Micheal J.Fox prima che questi divenisse una icona per i teenager di almeno due generazioni grazie ai film della serie "Ritorno al futuro" di Robert Zemeckis. Micheal J.Fox sarebbe poi stato definitivamente "rapito" dal grande schermo e non avrebbe più preso parte alla produzione di un serial televisivo fino al più recente "Spin City" (e, successivamente "Scrubs"). Ma "Casa Keaton" non ha avuto il solo merito di far conoscere al mondo il popolare attore "evergreen": il serial rispondeva (a modo suo) ad un interrogativo che devono essersi posti in molti nella società "W.A.S.P." statunitense a cavallo tra gli anni '60 e '70: che razza di genitori sarebbero diventati i "figli dei fiori" che hanno rivoluzionato la cultura occidentale?
Pur nel consueto stile un pò puritano dei serial americani "per famiglie" degli anni '80, 'Family Ties' riesce a divertire senza ridicolizzare il movimento hippy dal quale i protagonisti si trovano necessariamente a prendere un pò le distanze nell'assunzione del proprio ruolo sociale e genitoriale.

SCHEDA
Titolo: Casa Keaton
Titolo originale: Family Ties
Genere: Sitcom
Anno: 1982-1989
Stagioni: 7
Ideatore: Gary David Goldberg
Produttori: Gary David Goldberg
Musiche: Tom Scott
La risposta che in realtà sembra dare il telefilm al quesito cui si è accennato è che, nonostante il complesso di ideali votati ad una rottura con il sistema di convenzioni morali delle precedenti generazioni, i figli dei fiori sarebbero comunque divenuti dei genitori responsabili e "abbastanza normali". Quel "abbastanza" è, ovviamente, di rigore, trattandosi di una situation comedy, che deve presentare situazioni paradossali per poter divertire il pubblico. E parlando di paradossi, il più evidente è quello dato dalle caratteristiche peculiari dei figli di cotali genitori: nonostante l'educazione "liberal" ricevuta, difatti, il carattere dei due figli maggiori è quanto di più distante si possa immaginare dalla progenie di due "rivoluzionari".
Il primogenito Alex P. Keaton, interpretato da un giovane Michael J. Fox (in realtà non così giovane come il suo personaggio) è infatti un rampante repubblicano, fervido ammiratore di Richard Nixon, appassionato di finanza e di economia, che sogna un futuro di successo imprenditoriale e benessere economico. Alex è così il primo detrattore del passato hippy dei propri genitori, e rappresenta per questi un fallimento dei loro intenti educativi.

Non è andata meglio con la secondogenita Mallory, interpretata dall'attrice Justin Bateman, e dipinta nella serie come una dolescente frivola e non particolarmente brillante, spesso oggetto del sarcasmo del fratello maggiore. Mallory è praticamente l'incarnazione del disimpegno sociale, politico e culturale, e le sue uniche preoccupazioni sono rivolte alla moda ed ai ragazzi.
Forse l'unico barlume di speranza per non veder definitivamente frustrate le proprie ambizioni genitoriali è la piccola Jennifer, ancora troppo giovane per intraprendere una strada che sia in contrasto con i valori di mamma è papà, ma già abbastanza forte da prendere le distanze sia dall'opportunismo del fratello Alex che dalla superficialità della sorella Mallory.
"Casa Keaton" non punta però tutto sullo scontro generazionale: come già detto, i "reduci" da Woodstock hanno dovuto confrontarsi con la naturale transizione nel mondo produttivo degli adulti, resa ancor più stridente per loro dallo "yuppismo" imperante negli anni '80. La sensibilità con cui tale transizione viene trattata deriva dall'appartenenza dello stesso ideatore della serie, Gary David Goldberg, alla generazione hippy.

Steven Keaton, il padre nella sitcom, interpretato da Michael Gross, ha trovato un suo ruolo come giornalista televisivo presso una emittente locale. Elyse Keaton, la mamma, interprtata da Meredith Baxter, è un apprezzato architetto, anch'essa sufficientemente integrata nella realtà professionale e sociale in cui vive. I due cercano di svolgere il proprio ruolo nella realtà produttiva degli USA di Reagan senza però tradire gli ideali che hanno determinato la loro formazione, e questo li porterà ad affrontare spesso situazioni conflittuali tanto sul lavoro quanto nell'ambito famigliare.
La sitcom riesce nel piccolo miracolo di mettere d'accordo conservatori e progressisti d'America, raccogliendo consensi dall'una e dall'altra parte, per la bonarietà con cui mette in risalto i tratti più grotteschi delle due posizioni politiche. Tanto il repubblicano Alex, quanto i democratici Elyse e Steve, risultano comunque personaggi positivi della serie, e l'impronta "liberal" dell'autore non ne determina una connotazione ideologica, tanto che lo stesso presidente Reagan si troverà ad esprimere il proprio apprezzamento per la serie.

Trasmessa per la prima volta negli Stati Uniti nel settembre del 1982, la sitcom è stata prodotta per ben 7 stagioni e 180 episodi, accompagnando la brillante carriera di Michael J.Fox anche successivamente alla sua affermazione sul grande schermo con "Ritorno al Futuro" e "Il Segreto del Mio Successo".
Da segnalare, nelle ultime stagioni, l'inserimento nel cast del nuovo nato Andrew Keaton (Brian Bonsall), che diverrà prestissimo un piccolo emulo del fratello maggiore Alex (con buona pace dei genitori), e della nuova fiamma di Alex, la studentessa Lauren Miller, interpretata da una giovane Courtney Cox che sarebbe poi divenuta celebre con "Friends".
Trattandosi di una sitcom, le vicende del serial si svolgono quasi esclusivamente all'interno delle mura domestiche di "Casa Keaton", ma sappiamo che gli autori collocano tale casa a Columbus, nell'Ohio, rinomata città universitaria degli States. Il serial ha beneficiato della partecipazione estemporanea di numerose star, da Tom Hanks, a River Phoenix, a Geena Davis.

Paolo Tortora
© telefilmania.it



PERSONAGGI E INTERPRETI

Alex P. Keaton: Michael J. Fox
Steven Keaton: Michael Gross
Elyse Keaton: Meredith Baxter
Mallory Keaton: Justine Bateman
Jennifer Keaton: Tina Yothers
Irwin 'Skippy' Handelman: Marc Price
Andrew 'Andy' Keaton: Brian Bonsall
Nick Moore: Scott Valentine
Lauren Miller: Courteney Cox
Phyllis: Enid Kent
Gus Thompson: John Hancock
Sam: Robert Schanche
Ellen Reed: Tracy Pollan
Dr. Schulte: Terry Wills
George Bellack: Alan Blumenfeld
Robert Keaton: Norman Parker
Ted Waterman: John Petlock
Carmine: Robert Costanzo
Psichiatra: David Wohl
Ned Donnelly: Tom Hanks
Karen Nicholson: Geena Davis
Eugene Forbes: River Phoenix



ELENCO EPISODI

clicca qui per l'elenco completo



DVD

La sitcom non mai stata pubblicata in Italia su DVD. E' possibile reperire i DVD originali in lingua inglese delle prime cinque stagioni, ma la Paramount non ha realizzato pagine ufficiali per tali prodotti.





SIGLA




LINKS

Pagina su IMDB: http://www.imdb.com/title/tt0083413/
Il sito ufficiale della Fondazione Michael J. Fox per la ricerca sul Parkinson: http://www.michaeljfox.org/
The Michael J. Fox Database: http://www.michaeljfoxdatabase.com/



IMMAGINI
(cliccare sull'immagine per vederla ingrandita)





Tutti i testi sono proprietà di telefilmania.it © - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione del titolare
I nomi di serie, personaggi, emittenti etc. appartengono ai rispettivi proprietari
Molte immagini sono state liberamente prelevate da internet: se qualcuno ne possedesse i diritti può richiederne la rimozione
Cookie policy